Guest
Ospite
useravatar
User Info

La Nascita Del Genio Imbecille

LO SO CHE MOLTI DI VOI NON LEGGERANNO FINO IN FONDO SPAVENTATI A MORTE DALLA LUNGHEZZA DI QUESTO POST.
PASSATE GUARDATE E ANDATE. SECONDO ME DOVRESTE LEGGERE.
L'ARTE IMMONDIZIA è OVUNQUE.



Vogliamo un nuovo artista Geniale? Un nuovo pittore Geniale? Un nuovo scultore Geniale?
UN nuovo artista che unisca le tre abilità e vi aggiunga persino l'incisione, i costumi e la scenografia, le aulità di scrittore- in versi e in prosa- con qualche sprazzo filosofico?
Nessun pensiero, tutto si può raggiungere, basta la volontà, la pazienza ed il metodo giusto.. Il RiSuLtAtO è AsSiCuRaTo!!!!
Fino ad oggi il metodo migliore si è rivelato quello statunitense importato in Italia su licenza, ed ampiamente diffuso:

SI PRENDE UN RAGAZZOTTO, POSSIBILMENTE DEL SUD - MA NON È INDISPENSABILE - D'intelligenza mediocre e di scarse cognizioni culturali – MEGLIO SE ANALFABETA - CHE SIA SPROVVISTO DI QUALITÀ DISEGNATIVE E REFRATTARIO ALL’ARTE ED AL SENTIMENTO POETICO IN GENERE, DI CARATTERE DUTTILE E DI VOLONTÀ MALLEABILE.
Un critico di scuola classica convertito all'avanguardia inizierà la formazione progressiva del giovane portandolo a visitare gli scarichi (dagli abusivi a quelli comunali e regionali), poi le uscite delle fogne e i rifiuti delle piazze dopo il passaggio delle gite scolastiche e delle orde turistiche.
La presa di contatto con i materiali poveri e di scarto, solidi e liquidi, influenzeranno il ragazzo assuefacendolo ad una costante che alterni il brutto al repellente.
Quindi inizierà a frequentare i mercanti d'arte improvvisati privi, ovviamente, della loro cultura e del loro intuito ma, in compenso, unicamente e fortemente vocati al "BUSINESS".
Infine il nostro giovane verrà dotato di colori, pennelli e tele e resterà chiuso per un periodo da stabilirsi in un locale disadorno e spazioso (preferibilmente un garage abbandonato).
Al termine della prova, critico e mercante osserveranno il lavoro svolto:

E SE POTRANNO COSTATARE CHE NON C’È TRACCIA ALCUNA DI DISEGNO, NESSUNA IDEA DI PROSPETTIVA, TOTALE ASSENZA DELLE PROPORZIONI E CHE IL GUSTO DEL COLORE È ORRENDO, SI CONGRATULERANNO A VICENDA PENSANDO DI AVER EFFETTUATO UNA BUONA SELEZIONE: “DI QUESTI SEMPLICI NE FACCIAMO DEGLI ARTISTI GENIALI”.
Per un lungo periodo il ragazzotto lavorerà alacramente senza guadagnare un soldo sotto la guida costante del critico autorevole che gli indicherà la tendenza del momento o quella da imporre.
LUI, L’ASPIRANTE ARTISTA GENIALE, non deve pensare a nulla, lavori come sa in piccola misura o gigante;risponda come vuole alle interviste su ordinazione, poichè ogni scempiaggine che gli cascherà in bocca sarà presa come segno della qualità ruspante.
Intanto il mercante farà fotografare ogni parto dell'artista geniale e tutto verrà catalogato e incorniciato, uno schizzo, una macchia di colore caduta sulla tela... TUTTO.
A questo punto verà edita una lussuosa monografia con testo almeno bilingue e si organizzerà una mostra che, partendo da New York toccherà successivamente TokYo e Londra per concludere il percorso a Roma.
Le spese ingenti sostenute per mantere il fantoccio, pagare la pubblicità martellante su riviste e giornali, stampare il volume, oltre all'iniziale foraggiamento dei critici disponibili a rilevare il nuovo artista geniale ai popoli del mondo, rientreranno in breve tempo perchè le opere sfornate a getto continuo dal giovane invasato stakanovista entreranno nel circuito chiuso ma vastissimo di quella specie di mafia internazionale che sono i tenutari delle gallerie d'arte contemporanea-"issima", i più qualificati
per la diffusione su scala planetaria.
MA CHI COMPRA QUESTE OPERE? LE COMPRANO GL’INDUSTRIALI CHE INTRALLAZZANO CON L’ALTA FINANZA E LA POLITICA – RIGOROSAMENTE DI SINISTRA -, I DIRETTORI ADDOMESTICATI DI BANCHE ED ENTI PUBBLICI, O QUELLI DEI MUSEI, CHE SPESSO SONO GLI STESSI CRITICI PRODUTTORI DELL’ARTISTA GENIALE E COMUNQUE TRA LORO STRETTAMENTE COLLEGATI; OGNI TANTO CI SCAPPA ANCHE IL SINGOLO, COTTO AL PUNTO GIUSTO DAL BATTAGE PUBBLICITARIO O CHE VUOL SENTIRSI À LA PAGE, UN ILLUMINATO PROGRESSISTA, D’IDEE ALL’AVANGUARDIA.
Penserete che tutto questo sia uno scherzo, una divertente polemica fantasiosa, direi proprio di no. Si tratta della pura ed avvalente ma riscontrabile realtà.
LE DOTI NATIVE COME LA PREDISPOSIZIONE MANUALE E POETICA, LA GUIDA DI UN MAESTRO, IL LUNGO STUDIO?
TUTTE SCIOCCHEZZE PERDITEMPO. OGGI IL TEMPO È DENARO, OCCORRE FAR PRESTO; NON È LA QUALITÀ CHE CONTA, ANZI SAREBBE D’IMPACCIO, LA PUBBLICITÀ SUPPLISCE A TUTTO E L’IMBONIMENTO ESERCITATO DAI MASS MEDIA FANNO MIRACOLI.
SI COMINCIÒ COSÌ NEGLI STATI UNITI, ORMAI “MAGISTRA MUNDI”, MOLTI ANNI FA CON CERTI CANTANTI. SI FABBRICARONO E SI FABBRICANO PRENDENDO RAGAZZI SENZA CONOSCENZE MUSICALI E SENZA VOCE; IN SPECIALI STUDI DI REGISTRAZIONE VIENE AMPLIFICATA, MODULATA, FATTA VIBRARE E VARIARE DI TIMBRO UNA VOCE CHE NON ESISTE.
È COSA RISAPUTA, SI CHIAMA CANTARE IN PLAYBACK, MUOVERE LA BOCCA IN SILENZIO DURANTE IL CONCERTO MENTRE LA REGISTRAZIONE EFFETTUATA IN PRECEDENZA RIMBOMBA A TUTTO VOLUME E IL PUBBLICO APPLAUDE.
COME SI LANCIA UNA MODA O UN PRODOTTO COSÌ SI LANCIA UN ARTISTA, CHE DIVENTA SUBLIME NULLITÀ ENTRATA A PAGAMENTO TRA I SANTI DI UNA SOCIETÀ SENZA RELIGIONE.
MA CHE SPECIE DI ARTE PUÒ VENIR FUORI DA COMBINAZIONI ARTIFICIALI COME QUESTE APPENA DESCRITTE?
NE ESCE UN PRODOTTO CHE A RIGORE DOVREBBE CHIAMARSI “ARTE IMMONDIZIA”, ALLO STESSO MODO DI CERTE TRASMISSIONI TELEVISIVE.
A FARCI RIFLETTERE SU QUESTO MONDO DI PROVINCIALISMO INTERNAZIONALE, QUESTA GOLIARDIA PER VECCHI ISTRIONI, QUESTO SISTEMA DI LANCIO DEL PRODOTTO ARTE CHE HA ADOTTATO I METODI DELLA GRANDE INDUSTRIA PER RIFORNIRE I SUPERMERCATI DELLO SPIRITO, DI QUA E DI LÀ DELL’ ATLANTICO, SONO I SINTOMI CHE SI MANIFESTANO NELLA GENTE: DELUSIONE PER L’ARTE, TORCICOLLO PER LA STORIA, COMPASSIONE PER IL NOVECENTO ITALIANO.
POCHISSIMI TALENTI, MOLTE MEDIOCRITÀ ED IL RESTO ARTIGIANI.
L’IMPRESSIONE È QUELLA DI ASSISTERE A UNA CARRELLATA A VOLO D’UCCELLO NELL’ARCHIVIO DELL’UFFICIO BREVETTI, VISTO CHE: SUGLI ARTISTI DOMINANO GL’INVENTORI, SULL’ARTE LA TROVATA, SULLA QUALITÀ IL GIOCO DI PRESTIGIO.
SEMBRA CHE UN ESERCITO DI SALTIMBANCHI ABBIA CARATTERIZZATO L’ARTE ITALIANA, IDEATRICE DI GIOCHI DA ESPORTARE COME NOVITÀ E DA REINTRODURRE IN PATRIA UNA VOLTA IMITATI E CORRETTI ALL’ESTERO, COME SI DICE ACCADA PER CERTE STOFFE DI PRATO FATTE TIMBRARE IN INGHILTERRA.
QUESTO SAREBBE IL VOLTO DELL’ARTE ITALIANA?
È ORMAI BEN NOTO COME AI NOSTRI GIORNI L’UNICA COSA CHE NON INTERESSA SIA PROPRIO LA QUALITÀ.
CONFESSO SINCERAMENTE DI NON AVER MAI AVUTO MOLTA STIMA PER LA CRITICA D’ARTE, E PER QUELLA ITALIANA IN PARTICOLARE, PREFERENDO DA PARTE DEGLI ADDETTI LA RICERCA STORICA AI GIUDIZI, GLI STUDIOSI DISINTERESSATI AI TALENT-SCOUT AFFITTABILI, PROPRIO PERCHÉ DISGUSTATI DALL’USO DI UNA PROSA FUMOSA, INVOLUTA E VUOTA; DALLE ASSURDE ELUCUBRAZIONI E DALLA RISCONTRATA INCAPACITÀ ALLA COMPRENSIONE REALE DELL’OPERA D’ARTE: L’EPISODIO DELLE TESTE DI MODIGLIONI INSEGNA.
COME POSSONO QUESTI SIGNORI USARE CERTA TERMINOLOGIA, QUESTO MODO DI FAR CRITICA CHE È DIVENUTO IN BREVE L’ESPERANTO DEMOCRATICAMENTE BUONO PER TUTTI GLI USI DA PARTE DI TUTTI GLI STUDIOSI, MAESTRI ED ALLIEVI, INTELLIGENTI E SCIOCCHI, ITALIANI E STRANIERI?
CHE COSA HA PORTATO A UNIFICARE CRITICAMENTE IL LINGUAGGIO DELLA CRITICA?
COME E PERCHÉ QUESTA INDUZIONE ALLA DEMENZA?
I SINTOMI DELLA MUCCA PAZZA NELL’ARTE SONO COMPARSI DA TEMPO; PROBABILMENTE L’ENCEFALOPATIA SPONGIFORME COLPÌ LA CRITICA QUANDO OGNI FORMA DI DIFESA ERA IMPOSSIBILE, E COSÌ SI È DIFFUSO IL MORBO OVUNQUE E PER ORA RESTA IGNOTO L’ANTIDOTO.
È DALL’OTTOCENTO CHE I MUSEI SI VANNO RIEMPIENDO, IN GENERE, DI CROSTE E SCEMPIAGGINI GRAZIE AL FUNZIONARIO DI TURNO, IN ITALIA COME ALTROVE.
I CAPOLAVORI CI SONO ENTRATI QUASI A FORZA E QUASI SEMPRE PER LASCITI DI COLLEZIONISTI ILLUMINATI.
D’ALTRO CANTO IL MERCATO INFORMA GLI ADDETTI AI LAVORI, SPESSO LI FORAGGIA E LA QUALITÀ DELL’OPERA D’ARTE SI GIUDICA DALLA CIFRA RAGGIUNTA IN UN’ASTA.
INCAPACI DI EMETTERE UN PROPRIO GIUDIZIO CI SI REGOLA AGGIORNANDOSI VIA VIA SUL LISTINO DELLA BORSA.
È NATO COSÌ IL CRITICO À LA PAGE, CHE DEVE STARE ATTENTO ALL’AGGIORNAMENTO COSTANTE PER NON PERDERE L’EQUILIBRIO SULLA CRESTA DELL’ONDA; UNIFORMATO AL LINGUAGGIO STABILITO, UGUALE PER TUTTI, CON POCHE PERSONALI VARIANTI AL TEMA.
È TRISTE, PENOSAMENTE TRISTE CONSTATARE COME NEPPURE UNO, TRA GLI STUDIOSI, RIESCA A SOTTRARSI ALL’ANDAZZO PER PENSARE IN PROPRIO.

ISTRUZIONI PER LEGGERE L’ARTE:

PER GIUDICARE SENZA POSSIBILITÀ DI FARLO E SCOPRIRE LA NULLITÀ IRREVERSIBILE DELLE OPERE DEL NOSTRO NUOVO ARTISTA GENIALE CHE IL SISTEMA DELL’ARTE PUBBLICIZZERÀ IN MODO MARTELLANTE SI GUARDINO I DISEGNI:
INELUDIBILE PROVA DEL NOVE DI FRONTE ALLA QUALE OGNI ARTISTA SI MOSTRA NUDO E IMPOSSIBILITATO A BARARE.

Administrator has disabled public posting
Guest
Ospite
useravatar
User Info

Re: La Nascita Del Genio Imbecille

Calimero! Io ho letto tutto, vinco qualcosa???? ^^
DAI, MA L'HAI SCRITTO TU TUTTO STO ROBO??? Ma devi fare la critica d'arte! Veramente sul serio!! Sei molto brava a scrivere, complimenti... mi stupisci addirittura, non pensavo che una monka come me fosse capace di tanto acume intellettuale! Bhe cmq io credo che di critici ce ne siano di vari tipi... e cmq tu potresti incrementarne la parte buona!
Per il resto, non so se hai avuto modo di iniziare a studiare qualcosa di arte contemporanea... io l'ho studiata l'anno scorso, ti posso assicurare che non sempre è il disegno a determinare la qualità di un'opera... a volte nell'arte contemporanea questo manca, e per scelta... cfr. ad esempio l'arte informale o ancor più palesemente quella astratta... e sicuramente non si può affermare che Burri o Malevic non siano artisti di elevata qualità! Loro, certamente, facevano opere prive di disegno, ed estendendo il valore della parola "disegno" si potrebbe anche dire prive di progetto, e per una scelta ben determinata... quello che manca oggi è la novità, la freschezza di certe scelte... ogni cosa che si fa in ambito artistico ha dietro una motivazione, magari al momento della creazione incoscia allo stesso artista, ma sempre presente... è la reiterazione che è la morte dell'arte...
Cmq mi piace molto come hai descritto la spettacolarizzazione e più che altro l'enfasi eccessiva che il mondo d'oggi dà all'arte, a una certa arte, e per motivazioni spesso oscure alla gente semplice... GRANDE CALIMERA!!! UN BACIONE A UNA FUTURA CRITICA D'ARTE E ARTISTA <!-- ssmile --><img src="{SMILIES_PATH}/icon_smile.gif" alt="smile" title="Smile" /><!-- ssmile -->

Administrator has disabled public posting
Guest
Ospite
useravatar
User Info

Re: La Nascita Del Genio Imbecille

esista gia uno sponsorizzato che si chiama c......n ma non durera molto


l'arte sta diventando digitale, della pittura non gliene frega piu niente a nessuno (vedasi miart) o concorsi truccati solo per far vincere i soliti.

Interessano invece foto grandi 2 metri per 3 che devono stare bene in salotto.
Gli artisiti vecchia maniera verranno spazzati via dai tecnichi elettronici multimediali che hanno le capacita di fare arte elettronica .

questa e' la realtà.

Administrator has disabled public posting
Guest
Ospite
useravatar
User Info

Re: La Nascita Del Genio Imbecille

i miei complimenti!

davvero, molto bello e molto vero

Administrator has disabled public posting
Guest
Ospite
useravatar
User Info

Re: La Nascita Del Genio Imbecille

c.....n non credo sia pirla come pensi tu. d'altro canto rappresenta al 100% l'artista contemporaneo nel suo bene e nel suo male.

sul disegno, non sono d'accordo.
guarda la scultura per esempio... e non la devi solo guardare, la scultura.
non mi fa sentire meglio sapere che un'opera l'ha prodotta uno che sa disegnare o no, non mi interessa sapere se l'artista era comunista o nazi o l'avevano stuprato da piccolo. ognuno vede l'opera e la inserisce nella propria esperienza. se ti piace bene, se non ti piace no. e ci sarà un motivo -tuo- per entrambe le cose.
se poi vuoi andare ad esplorare dietro perchè ti piace addentrarti nel linguaggio, o per curiosità e rispetto buon per te, giusto. come penso sostenga anche tu, questa è una cosa che i critici dovrebbero fare, in effetti.

ad ogni modo nel mondo dell'arte come nel mondo in generale prevalgono i soldi e non è venuto fuori nè oggi nè ieri. chissà quanti geni schivi e poco festaioli sono stati dimenticati nella new york dei party di andy warhol (che non voglio minimizzare nè discutere).
io credo che il mondo dell'arte si sostenga sulle necessarie e spontanee ipocrisie dell'economia e della globalizzazione, che sono necessarie e spontanee ipocrisie generate dall'uomo, che è una necessaria e spontanea ipocrisia generata da sè stesso.

forse come dici tu il critico dovrebbe essere l'anello cosciente della catena in mezzo al mercante ed all'artista, ma come ha detto qualcun altro invece ci sono critici e critici. se il sistema dell'arte ti puzza o ti tappi il naso e ci vivi oppure ti sposti verso ambienti e contesti più trasversali. ciascuno faccia le scelte secondo la propria etica. a questo mondo ci sono posti più o meno per tutti.

quanto alle stampe 2m x 3m ed all'arte digitale:
al giorno d'oggi, se lo schermo è abbastanza grande, è arte.

Administrator has disabled public posting
Guest
Ospite
useravatar
User Info

Re: La Nascita Del Genio Imbecille

spesso la truffa del rock'n'roll alla sex pistols funziona stramaledettamente nel sistema dell'arte, pare che ad alcuni basti pisciargli in testi ed avere il culo parato da un buon critico che sei il capo dell'arte contemporanea!

per quanto riguarda l'arte digitale a mio avviso ha una pecca mostruosa, e chi ne colleziona lo sa: il supporto.
ossia fino a quando non si avranno problemi elettrici o fino a quando il supporto non comincerà a deteriorarsi il valore dell'opera resterà invariato o al limite aumenterà, ma la facile riproducibilità dell'opera dallo stesso artista ne abbassano comunque il valoro in maniera esponenziale.

quindi non rimarrei a sostenere che questo modo di fare arte è destinato a superare quel modo di fare arte ... è come dire che la scultura supera di importanza la pittura o la decorazione.... è un errore.

sugli acquirenti dell'arte non ne so un cazzo, il vicino di caso di solito si rivela essere un buon acquirente, ovviamente se questi ha un'età fra i 40 ed i 60 anni, amici e conoscenti se i prezzi dei lavori non sono esorbitanti e
comunque trovati un lavoro alternativo altrimente pare che fino ai 35 anni della propria arte non si mangi ed anche dopo si faccia moolta fatica .

Salute!

Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:   Totale Utenti: 8911  Totale Discussioni: 2769  Totale Sondaggi: 0  Totale Messaggi: 16203  In sospeso
Info Utenti:   Ultimo Utente Registrato :  DavidAlope   Utenti Online: 0   Ospiti Online: 80
Online  Non ci sono utenti online
Discussione
Nuovo
Locked
Discussione
Nuovo
Locked
Sticky
Active
New/Active
Sticky
Active
New/Active
New/Closed
New Sticky
Closed/Active
New/Locked
New Sticky
Locked/Active
Active/Sticky
Sticky/Locked
Sticky Active Locked
Active/Sticky
Sticky/Locked
Sticky/Active/Locked